Viaggiare con i bambini? Si può!

// //

Volevo proporvi un articolo che ho scritto su ADV Italia,


ma che per noi mamme potrebbe essere altrettanto interessante:



Parlando ad altri genitori che hanno bambini piccoli, rimango molto colpita perché sembrano impauriti dall’affrontare un viaggio con la famiglia.

E' naturale, siamo noi che dobbiamo adattarci ed aiutare i nostri figli a vivere un significativo e divertente viaggio.

Ed è altrettanto normale che tornando ad esempio da un week-end a Roma non ricorderemo certo quanto poteva essere meravigliosa e maestosa Piazza San Pietro, ma piuttosto il tempo passato a rincorrere i nostri pargoli che fanno a gara per distribuire briciole di pane ai piccioni!

Per me viaggiare coi bambini NON vuol dire “piazzarli” in un baby club dalla mattina alla sera, per trascorrere le vacanze in tranquillità. Per me significa prenderci il nostro tempo per stare insieme, assecondarli ed unirci a loro.
Non ci possiamo certo aspettare che tutto fili liscio, anzi quando si parla di bambini, c’è sempre qualche imprevisto (un cambio di pannolino, proprio mentre stai facendo la fila per il l’imbarco!), l’importante è seguire gli eventi, e tutto andrà per il meglio.

Durante il viaggio è normale che ci siano momenti difficili, una piccola crisi, in questo caso dobbiamo renderci conto di dover fare un piccolo passo in dietro, forse stiamo forzando o spingendo troppo ed è il caso di riprogrammare il piano di viaggio rispettando di più le loro esigenze. Proprio come a casa abbiamo bisogno di imparare ad essere flessibili ed abbiamo bisogno di imparare quali sono le priorità e le attività più importanti per noi.
Impareremo che la preoccupazione maggiore di un bambino durante l’esperienza di un viaggio è di avere maggiore attenzione dei genitori, quindi se anche il viaggio si mantiene divertente, flessibile, i bambini assorbiranno tutta l’avventura, e più tardi non faranno altro che ringraziarci di quello che abbiamo fatto per loro.

L’importante è non dare troppo peso alle cose che vanno male o a quelle che escono dalle nostre aspettative. L’obiettivo è di affrontare nuove esperienze insieme e di vivere il “pacchetto viaggio” come una famiglia, apprezzare a 360 gradi i momenti divertenti, a volte buffi ed imbarazzanti, attimi che ricorderemo per tutta la vita.

Chi ha detto che non si può andare in qualsiasi parte del mondo con i nostri figli? La domanda piuttosto è come impostare le cose in modo tale che tutto proceda nel migliore dei modi e di poter far fronte agli imprevisti.

Molti genitori che non hanno mai viaggiato con i loro piccoli hanno addirittura paura ad iniziare. Le paure poi sono anche influenzate da parenti ed amici sottolineando solo le cose che possono andare male: “Ma se prendono la febbre?”, “Ma se non trovi il latte in polvere?”, “Ma se cadono dalla barca?”. Persone che probabilmente non hanno mai viaggiato con bambini.
Ogni bambino come ogni adulto viaggia in modo diverso, certo ci vorranno prove ed errori per capire quale è il Vostro modo di viaggiare con il vostro coniuge e con i vostri figli.

Ho provato a cercare dei siti che si occupassero delle vacanze con i bambini e ve ne segnalo alcuni:

Quanto manca, baby in viaggio, bimbo in viaggio

Dove però ahimè, non ho trovato altro che elenchi di parchi divertimento, indirizzi di farmacie, ospedali, musei, “hotel per bambini”? (perché forse sono insonorizzati???). Certo anche questo può essere utile, ma io una vacanza con i miei figli la vedo più così, in un itinerario del genere:

Itinerario Roma Storica per bambini

dove i bambini apprezzeranno Piazza Campo dei fiori per la varietà e la frutta colorata e per la pizza bianca “scrocchierella” nel forno di Campo dei Fiori (ottima occasione per una merenda!), i giocolieri e i banchetti di Piazza Navona, i giochi in legno della Città del Sole, e naturalmente una visita al quel monumento strano che ha un “buco sul tetto” (Pantheon).

Segnalo il sito che ha attirato la mia attenzione: Delicius Baby creato da Debby, mamma di due bambini, molto simpatico e che vi aiuterà ad identificare gli itinerari più indicati ai vostri bambini e a trovare il modo per risolvere le paure, una per una.
Suggerimenti anche sul materiale da portare (giochi inclusi!), sui documenti necessari, la preparazione prima di partire, …e tanto altro.

Perché viaggiare con i nostri figli è un modo per conoscerli meglio, per dedicarci a loro, cosa che a volte, a causa del lavoro e delle vita quotidiana frenetica ben poco si riesce a fare, e a saperli apprezzare nella loro fase di crescita.