COME APPLICARE L'HENNE' SUI CAPELLI

// //
Durante i miei diversi viaggi in India mi sono letteralmente appassionata alla loro cultura usi ed abitudini.
Ho iniziato ad usare l'henné (acquistato in erboristeria) quando ero incinta e quando allattavo il mio primo figlio (oggi un giovanotto di 14 anni per 1.80 di spiccata altezza!). Per quanto siano leggere e poco invasive le tinte contengono comunque sempre una buona dose di elementi che sarebbe meglio ..1) non respirare e 2) evitare di far assorbire dal nostro organismo.
Dopo numerosi tentativi, diy e alla ricerca di buoni consigli anche da parte dei miei amici indiani sono arrivata alla ricetta che vi illustro di seguito.


Per la mia lunghezza di capelli (media) uso circa
- 100 grammi di polvere di henné
- 1 limone spremuto
- 250 gr acqua
- 25 grammi semi di lino
- una retina a maglie fitte (ad esempio centrino in tulle da bomboniera)
- guanti in lattice
- pellicola trasparente

Procedimento:
In una ciotola in plastica inserire il succo di limone, setacciare i 100 grammi di polvere.
In un pentolino versare l'acqua ed il sacchetto con i semi di lino (li racchiudo in un sacchetto perché non si sciolgono completamente e quindi ce li ritroveremmo in testa !). Dal bollore lasciare sul fuoco per circa 20 minuti.
Unire il tutto alla polvere, mischiare bene e lasciare ossidare almeno due ore.

Applicazione:
I capelli devono essere puliti a differenza di quando si fanno le tinte non naturali perché la sostanza deve penetrare bene nel capello.
Lavare i capelli con shampoo senza usare il balsamo e cercare di non "impastarli" troppo perché sono da pettinare dopo.
Strizzarli bene ed iniziare ad applicare l'impasto con il pennello o direttamente con le mani. I guanti sono essenziali ed anche qualcosa per coprire noi stesse (vecchie t-shirt o mantella da tinta...) perché è una tinta a tutti gli effetti.
Applicare dalla ricrescita fino alla punta della ciocca. Proseguire fino ad aver coperto tutti i capelli.
Ora raccoglierli tutti in un grosso chignon e avvolgere la testa con la pellicola trasparente.
I semi di lino vengono usati per due motivi: uno è un ottimo nutrimento per i capelli, due la sua formula in gel permette di mantenere l'impasto abbastanza denso da non colare lungo il viso.
Diciamo che non è una regola fissa perché è comunque una variante dell'impasto.
Meglio mettere una protezione ai bordi del viso.

Ora serve solo un bel po' di pazienza. Più l'hennè rimane in testa e più la tinta si fissa. Le mie amiche indiane lo tengono anche di notte e il calore del cuscino aiuta al fissaggio.
Io non ho mai azzardato tanto perché ho sempre timore di tingere tutta la biancheria!
Quindi più resisto e più ci sto!
Minimo di due ore ad un massimo di...sopportazione!

Sciacquare bene fino a togliere tutto il possibile residuo di sabbia. Lavare con shampoo ed applicare il balsamo ma soprattutto per districare i capelli.
Sarebbe meglio fare il successivo lavaggio dopo 3/4 giorni in modo tale da lasciar penetrare ancora il colore.

Un avvertimento che nessuno vi dice.....per coloro che hanno la ricrescita (io sono fra quelle) il colore bianco del capello diventa di un rosso più acceso! Questo è da metterlo in conto!!!
Il resto della ciocca è di un colore straordinariamente naturale. Io amo anche il profumo che lascia e al tatto sono molto morbidi.